Scavi di Oplontis e Villa di Poppea

SCAVI DI OPLONTIS E VILLA DI POPPEA

Nel suo territorio - indicato con il sito di Oplontis - è stata portata alla luce una delle più ricche e sfarzose ville di epoca romana (I secolo a.C.) presumibilmente appartenuta...

alla Gens Poppea e dimora estiva di ricchi pompeiani. In anni più recenti è stata scavata e riportata alla luce un’altra imponente costruzione rustica d’epoca romana tra le cui mura sono stati rinvenuti gioielli e demonili forgiati con ammirevole tecnica orafa. L’Unesco ha designato il sito archeologico di Oplontis, situato nel comune di Torre Annunziata, come Patrimonio dell’Umanità. La Villa si trovava in un sito privilegiato, sia per la vicinanza al mare, sia per la prossimità a Pompei.
Torre Annunziata conserva altre testimonianze della preferenza che gli antichi Romani accordavano al territorio vesuviano: imponente la Villa di Caio Siculi e le antiche terme di Marco Crasso Frugi.
Purtroppo però, attualmente questi siti archeologici non sono aperti al pubblico.

Come raggiungere gli scavi di Oplontis e la Villa di Poppea

Bisogna prendere la circumvesuviana e scendere a Torre Annunziata, e seguire le indicazioni di seguito

Poppea

.30 - 17.00 (ultimo ingresso ore
15.30)
Costo biglietti: intero € 5,50 (consente nello
stesso giorno una visita all’Antiquarium di
Boscoreale, alle Ville di Stabia e agli Scavi di
Oplonti) - € 20,00 (consente di visitare in tre
giorni gli scavi di Pompei e di Ercolano, l’Antiquarium
di Boscoreale, le Ville di Stabia, gli
Scavi di Oplonti) - ridotto rispettivamente
€ 2,75 e € 10,00 per under24 ed insegnanti
della UE - ingresso libero under18 e over65
e per studenti di facoltà umanistiche.